La vita è la più bella favola. Impariamo a viverla.   Sempre più spesso ci sentiamo insoddisfatti, tristi, frustrati fino ad arrivare a sviluppare vere e proprie patologie (gastrite, emicrania, ulcera, depressione, etc.). Queste manifestazioni ci avvertono che la vita che stiamo conducendo, le relazioni che stiamo vivendo, non sono in linea con il nostro essere. I sintomi parlano e attraverso il corpo ci inviano dei segnali: se impariamo a decodificarli raggiungeremo l’armonia. Il nostro obiettivo è di accompagnarvi, attraverso incontri di gruppo o individuali, a costruire la cornice al quadro che siete voi. In-Vidya o Invidya? In-Vidya: (da Vid=vedere) in sanscrito significa conoscenza, consapevolezza, visione. Siamo abituati ad associare alla parola “invidya” un sentimento spiacevole, come la cattiveria. Eppure. Eppure il vocabolario dà anche un altro significato di questa parola: “ammirazione, emulazione”. Questa valenza positiva dell’invidia ci permette quindi di attribuirle un grandissimo potere: quello di essere motore di crescita personale. Invidiamo-ammiriamo negli altri quello che vorremmo per noi stessi spingendoci a migliorarci. L’Invidia, quindi, come atto di amore, prima di tutto verso noi stessi. È nostro desiderio fornire gli strumenti che possano aiutare in questo cammino, che passa attraverso la gioia per arrivare alla serenità.
La vita è la più bella favola. Impariamo a viverla. Sempre più spesso ci sentiamo insoddisfatti, tristi, frustrati fino ad arrivare a sviluppare vere e proprie patologie (gastrite, emicrania, ulcera, depressione, etc.). Queste manifestazioni ci avvertono che la vita che stiamo conducendo, le relazioni che stiamo vivendo, non sono in linea con il nostro essere. I sintomi parlano e attraverso il corpo ci inviano dei segnali: se impariamo a decodificarli raggiungeremo l’armonia. Il nostro obiettivo è di accompagnarvi, attraverso incontri di gruppo o individuali, a costruire la cornice al quadro che siete voi. In-Vidya o Invidya? In-Vidya: (da Vid=vedere) in sanscrito significa conoscenza, consapevolezza, visione. Siamo abituati ad associare alla parola “invidya” un sentimento spiacevole, come la cattiveria. Eppure. Eppure il vocabolario dà anche un altro significato di questa parola: “ammirazione, emulazione”. Questa valenza positiva dell’invidia ci permette quindi di attribuirle un grandissimo potere: quello di essere motore di crescita personale. Invidiamo-ammiriamo negli altri quello che vorremmo per noi stessi spingendoci a migliorarci. L’Invidia, quindi, come atto di amore, prima di tutto verso noi stessi. È nostro desiderio fornire gli strumenti che possano aiutare in questo cammino, che passa attraverso la gioia per arrivare alla serenità.